in

“Paralisi, tumori, morti improvvise”: il report choc sui vaccini di cui nessuno parla

Efficacia in calo, effetti collaterali in preoccupante aumento. Sono questi i risultati degli ultimi report sulle conseguenze dei vaccini anti-Covid della popolazione. Considerazioni non certo rassicuranti e di cui, però, la gran parte della stampa mainstream non parla. Eppure quanto scritto sulle pagine del Fatto Quotidiano da Mariano Bizzarri, oncologo e ricercatore presso il dipartimento di Medicina Sperimentale dell’Università La Sapienza di Roma, è piuttosto chiaro.

Bizzarri, animatore della Commissione Dubbio e Precauzione, è intervenuto in un momento in cui la guerra in Ucraina ha fatto finire il tema dei vaccini e delle loro conseguenze nel dimenticatoio. Citando uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet che conferma come “la protezione assicurata contro le forme gravi della malattia e il ricovero ospedaliero, che dopo tre dosi di Pfizer si aggira intorno all’80%, crolla drasticamente intorno al 50% dopo solo 3 mesi dal booster”.

“Ma che vaccino è quello che – nonostante tre dosi! – assicura una protezione che tende a svanire dopo tre mesi?” si è chiesto Bizzarri. Non solo. Sempre sulle basi della ricerca, Stephanie Seneff, direttore di ricerca al Mit di Boston ha sottolineato: “La vaccinazione induce una profonda compromissione nella trasmissione del segnale dell’interferone-1, il che ha diverse conseguenze negative per la salute umana; (le modificazioni indotte dal vaccino) hanno potenzialmente un nesso causale con malattie neurodegenerative, miocardite, trombocitopenia immunitaria, paralisi, malattie del fegato, ridotta immunità adattativa, ridotta risposta al danno del Dna e sviluppo di tumori”.

Un allarme non isolato, visto che anche uno studio pubblicato da Nature Scientific Report ha evidenziato come “l’incidenza di miocarditi sia cresciuta di oltre il 25% tra i giovani sottoposti a vaccino con parallelo incremento delle morti cardiache improvvise”. Per Bizzarri si tratta di cifre che “fanno preoccupare” e che vanno lette nell’ottica del business del vaccino, un campo in cui la stessa BioNTech è arrivata ad ammettere: “Le nostre entrate dipendono fortemente dalle vendite del nostro vaccino contro il Covid-19 e le nostre entrate future dal nostro vaccino contro il Covid-19 sono incerte (dato che) il profilo di sicurezza del nostro vaccino contro il Covid-19, compresi gli effetti collaterali precedentemente sconosciuti o l’aumento dell’incidenza o della gravità degli effetti collaterali noti possono essere un fattore di rischio”.

Ti potrebbe interessare anche: Perché è sempre più probabile il voto in autunno: l’ultimo retroscena da Palazzo Chigi

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Avete preso i ristori? Ora lo Stato potrebbe richiederveli indietro”: la trappola in cui vuole farvi cadere

“Mettevano i malati Covid nelle Rsa”, scoppia l’ennesimo scandalo giudiziario