in

Oppresso dalla crisi e dagli usurai si suicida imprenditore: minacce e pestaggi

Tragica l’ultima notiza riferita da “Il mattino.it“, un altro imprenditore non ha retto alla pressione. Su di lui, non solo la pesante crisi economica, ma anche le dure minacce che subiva da due usurai a colpi di mazza da baseball.

Le indagini coordinate dalla Procura di Napoli Nord erano già in corso a seguito del suicidio di un imprenditore di Giugliano avvenuto nel luglio 2018. La storia era la stessa, l’uomo era piegato dai debiti usurari e sottoposto a pressanti minacce. 

I due indagati, rispettivamente di 57 e 60 anni, residenti a Giugliano e Villaricca in provincia di Napoli, ora si trovano in custodia cautelare in carcere per usura ed estorsione aggravata nei confronti di tre diverse vittime. I due si rivolgevano agli imprenditori in evidenti difficoltà patrimoniali  e imponevano il prestito a gravosissime condizioni economiche. 

Questo è ciò che accade quando lo Stato non risponde e non tutela i cittadini. Vicende così fanno pietrificare. L’Italia si sta paralizzando. Troppe le disgrazie che stanno accadendo e che testimoniano l’urgenza delle condizioni in cui gli italiani riversano. 

I ragazzi d’oro di Pomigliano d’Arco: tutti gli amici di Di Maio che hanno fatto carriera

‘Boicottiamo l’Olanda!’ Gli italiani non hanno dubbi: i risultati del sondaggio shock