Vai al contenuto

Morto 41 enne per malore improvviso pochi giorni dopo la vaccinazione

Pubblicato il 10/11/2021 10:38

Domenica mattina un cameriere è stato trovato morto nel suo letto di casa. Aveva 41 anni e ha avuto un malore improvviso. L’uomo, originario di San Benedetto del Tronto, viveva con la moglie a Controguerra, ed era molto conosciuto nella vallata del Tronto.

La Asl ha disposto l’autopsia per cercare di individuare le cause della morte “se non altro perché l’uomo aveva fatto qualche giorno prima la seconda dose di vaccino anti-covid”, si legge tra le righe del sito ilcentro.it.

“Al momento non esiste alcun nesso, alcun collegamento tra gli eventi”. L’autopsia eseguita su disposizione della Asl dall’anatomopatologo Gina Quaglione, si è svolta nell’ospedale di Teramo e stando all’ultimo aggiornamento riferito dal sito, “ha escluso ogni collegamento con la seconda dose di vaccino anti Covid fatta qualche giorno prima”.
“Il 41enne cameriere di Controguerra è morto per una emorragia interna, uno shock emorragico”.

Si chiude così, con l’esito dell’autopsia che stabilisce che “non vi è alcuna correlazione”, la tragica storia dell’uomo. Cosa abbia procurato lo shock emorragico non ci è dato di sapere. Come sempre il nesso causale risulta indimostrabile, in un meccanismo in cui le prove a carico non sono mai abbastanza, quelle a discarico non sono invece necessarie.