in

L’annuncio c’è, il decreto no. Il Quirinale attende ancora il “Decreto Rilancio”

Non c’è mai limite all’indecenza. Se vi state chiedendo come mai il tanto atteso decreto Rilancio, già annunciato da Giuseppe Conte e approvato dal Consiglio dei Ministri da 3 giorni, non sia stato ancora pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, la risposta è semplice e la fornisce il quotidiano La Stampa. Il Quirinale non ha ancora analizzato e approvato il testo, ma per una ragione ben precisa, che non ricade nella sua responsabilità, sta ancora aspettando il testo della versione definitiva del decreto.

Il procedimento legislativo del decreto legge, infatti,  prevede che dopo l’approvazione del Consiglio dei ministri, il testo venga emanato dal Presidente della Repubblica. Solo una volta  ottenuta la firma del Quirinale, il decreto rilancio potrà essere pubblicato in Gazzetta ufficiale. 

L’ultima parola spetta dunque alla Ragioneria generale dello Stato, con la cosiddetta bollinatura. I tecnici della Ragioneria dovranno verificare la tenuta contabile dei provvedimenti del decreto. Operazione complessa. I passaggi tecnici, secondo quanto riportato da Il Sole 24 Ore, richiederanno ancora qualche giorno, probabilmente fino a lunedì 18 maggio.

E’ stato presentato la prima volta a Marzo come decreto per il mese di Aprile. Arriva a Maggio e chissà a quando gli effetti (previsti). L’Italia nel frattempo aspetta, mentre vede sgretolarsi pezzo per pezzo il proprio sistema produttivo.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Il chiodo di Giorgetti sulla bara del sovranismo leghista

Imu, Tosap e Tari, il Decreto è una jungla: poveri commercianti. Solo fuffa