in

La “patrimoniale” spaventa gli italiani. Conte nega, ma non convince

Un sondaggio condotto da Euromedia Research rivela che il 56,4%, dunque più della metà, teme che il governo adoperi  la patrimoniale, che prevede il prelievo forzato dai conti correnti degli italiani, per far fronte alle spese per l’emergenza Covid 19. Un italiano su due ha paura che a pagare le conseguenze della crisi saranno i cittadini.

Anche se il presidente Conte ha negato di prendere in considerazione tale possibilità più volte, le premesse non escludono l’ipotesi, considerando le condizioni fragili della finanza pubblica, le quali non lasciano presagire grandi manovre e consideranodo soprattutto la posizione assunta al riguardo dalla potenza tedesca, nonchè dominus dall’indiscutibile auterovelozza all’interno dell’Unione europea. 

La Germania, infatti, aveva quasi additato gli italiani e insistito a tal proposito. Stelter, l’economista che per primo ha sollevato la questione, aveva affermato che la solidarietà richiesta dall’Italia all’interno degli incontri tra i vertici europeisti non merita considerazione per una “questione di giustizia. Non solo le famiglie italiane sono significativamente più ricche di quelle tedesche, ma sono anche meno indebitate”. 

Il sondaggio prende anche in considerazione la percezione che gli itliani hanno sui prezzi. Ebbene il 69,2% ritiene che la crisi economica abbia indotto un aumento dei prezzi dei prodotti al dettaglio. 

Un governo sempre in ritardo: tanti bar e ristoranti rischiano di non aprire più

L’economista tedesco che non si stupirebbe “se l’Italia decidesse di uscire dall’Ue”