Vai al contenuto

La famiglia di ItalExit si allarga. Dal Piemonte al Lazio due nuovi ingressi nel partito della vera opposizione

Pubblicato il 11/08/2022 17:07

ItalExit – Per l’Italia con Paragone saluta i due nuovi consiglieri comunali che hanno deciso di lasciare rispettivamente la Lega e Fratelli d’Italia per unirsi al progetto del partito capitanato da Gianluigi Paragone. Si tratta di Antonio Borrini, consigliere comunale di Settimo Torinese, eletto con la Lega, e di Liborio Marasca, consigliere comunale di Anguillara Sabazia, eletto con Fratelli d’Italia.
(Continua a leggere dopo la foto)

Antonio Borrini, ex Lega, Settimo Torinese

Antonio Borrini, consigliere comunale di Settimo Torinese eletto in quota Lega, attivissimo nelle piazze contro il Green Pass e l’obbligo vaccinale ai lavoratori, ha trovato in ItalExit anche la sua via politica. «Dopo 2 anni di battaglie nelle piazze e nelle sedi istituzionali, dopo una dura lotta contro lockdown e coprifuoco privi di un vero e inconfutabile valore scientifico ma che hanno portato la mia Nazione sulla soglia del baratro socio economico, dopo una strenua lotta contro la vera discriminazione messa in atto dal famigerato green pass che ha creato un apartheid sanitario, ho finalmente trovato una casa che rispecchia i miei valori e condivide le mie visioni», scrive Borrini in una nota ai cittadini. «Insieme ad Italexit potrò continuare le mie (Nostre!) battaglie e fare da cassa di risonanza per tutti quegli Italiani che hanno dovuto subire passivamente angherie e costrizioni in questi difficili mesi. Il mio impegno sarà ancora più rafforzato sapendo di avere persone al mio fianco ugualmente motivate», conclude entusiasta.
(Continua a leggere dopo la foto)

Liborio Marasca, ex Fratelli d’Italia, Anguillara Sabazia

Anche Liborio Marasca, consigliere comunale di Anguillara Sabazia eletto col partito di Giorgia Meloni, Fratelli d’Italia, ha scelto di aderire a ItalExit, rispecchiandosi nella tenace e coerente opposizione che il leader Paragone, i membri del partito, e gli attivisti hanno condotto sul campo durante gli ultimi due anni. «Dopo un’attenta riflessione e confronto con la mia comunità politica e visti i cambiamenti dello scenario politico degli ultimi due anni, ho deciso di aderire a ITALEXIT con Paragone. Dal primo momento mi sono battuto contro il governo Conte e il governo Draghi, contro la gestione della pandemia e le assurde limitazioni che in questi anni abbiamo dovuto subire, dalle chiusure senza senso fino ad arrivare alla follia del Green Pass», scrive Marasca sui suoi canali social.
(Continua a leggere dopo la foto)

L’espansione di ItalExit sul territorio

ItalExit continua la propria opera di radicamento sul territorio acquisendo sempre più adesioni eccellenti. E’ evidente come gli ideali, la concretezza del suo operato e la coerenza con la quale ha condotto le proprie battaglie, vengono riconosciute da chi ha realmente a cuore la difesa dei diritti e delle libertà costituzionalmente garantite. Questo si riflette nelle cicliche aperture di nuove sezioni e di nuove sedi fisiche in tutta Italia, nonché nell’acquisizione di vari membri delle amministrazioni locali.

Potrebbe interessarti anche: Crisi energetica, parte l’austerity. Ecco le prime città interessate e cosa “taglieranno”