in

In 40 mila senza i 600 euro. Mancano le coperture per il bonus. La denuncia dell’Adepp

Nonostante l’odissea trascorsa: click day, esposizione dei dati sensibili, sito in tilt, finto hackeraggio, la storia dei bonus dei 600 euro non finisce. Soprattutto per coloro i quali questi soldi, promessi ormai da tanto, troppo tempo, ancora non li hanno ricevuti.

Mentre il governo volta pagina con il mese di marzo e si mette al lavoro per le mosse del mese d’aprile, che dovrebbero prevedere l’introduzione del reddito di emergenza e l’innalzamento del bonus a 800 euro, ben 40 mila richieste di lavoratori autonomi e partite IVA rimangono scoperte. Così quei tanto attesi e assolutamente necessari 600 euro non vengono addebitati nemmeno arrivati a questo punto. L’Adepp, associazione che riunisce 20 Enti previdenziale, fornisce i numeri al governo e lancia l’allarme: “Le casse di previdenza private hanno ricevuto 454.541 domande, di queste 413.455 sono ammesse al pagamento. 48 milioni di euro è la cifra che manca per poter soddisfare tutte le richieste. 

“L’unico Paese al mondo che distrugge la sua economia per il virus”. La denuncia del Sole24ore

In fila davanti al Monte dei Pegni, la foto che scandalizza l’Italia. È arrivata la miseria