in

Il mondo affonda, la Cina vince. Vola l’economia del Dragone

Uno di quei misteri che non ci è dato di sapere. Mentre il mondo è alle prese con la seconda ondata pandemica (gli Stati Uniti non sono mai nemmeno usciti dalla prima) la Cina sembra aver trionfato sulla crisi non solo sanitaria, ma anche economica. Lo si percepisce guardando ciò che sta succedendo nel contesto degli investimenti. Le borse cinesi valgono “10 trilioni”, Shangai e Shenzen hanno oltrepassato i “10 mila miliardi di dollari arrivando perfino ad aggiornare il massimo storico del 2015”, riferisce Milano Finanza.

Anche le stime del Fondo Monetario Internazionale promettono bene per il paese asiatico: “la Cina sarà l’unica grande economia mondiale a crescere nel 2020 con un pil atteso in rialzo tendenziale dell’1,9%. Importazioni ed esportazioni dal Paese in settembre hanno già toccato livelli record. Le borse di Pechino e Shangai hanno inoltre ancora “molto spazio per crescere”.

Le Borse del Vecchio continente, invece, sono “stata poco brillanti tra impennate dei contagi e aspettative di poter ottenere un vaccino entro fine anno”, riferisce Milano Finanza. Piazza Affari ha chiuso “con un modesto rialzo dello 0,3%” mentre la situazione in quota di Francoforte resta invariata, di Parigi e Londra, con la situazione sanitaria più critica, decresce rispettivamente dello 0,1 e dello 0,6%.

Di Maio esultava, i Benetton oggi ridono: l’accordo col governo li renderebbe (molto) più ricchi

L’Italia che piace a Confindustria? Licenziamenti facili e sanità sempre più privata