Vai al contenuto

“Sinistra e Ong…”, “Non è vero!”. Scoppia lo scontro tra Iacometti e Parenzo (il VIDEO)

Pubblicato il 15/12/2022 13:31

David Parenzo si è intrufolato in un’altra gaffe delle sue. Per difendere ancora una volta l’indifendibili si è ritrovato a fare una figura barbina in diretta. Ospite della trasmissione “Tagadà” su La7 ha provato a difendere la sinistra e le Ong dagli ultimi scandali che la stanno travolgendo, da Soumahoro al Qatar-gate. In studio, però, c’era anche Sandro Iacometti, giornalista di Libero, il quale gli ha dato una bella lezione: “Leggendo i giornali di questi giorni sembra che la sinistra e le Ong siano di passaggio e non abbiano alcuna responsabilità. Si parla solo di corruzione nell’Europarlamento”. Iacometti ha dunque commentato la questione dello scandalo Qatar che sta terremotando l’intera Unione Europea e in particolar modo la sinistra. Il giornalista, però, ci ha tenuto a mettere l’accento sulla copertura che ne viene data sui quotidiani italiani. E qui interviene il difensor Parenzo. (Continua a leggere dopo la foto)

“Non è vero – interrompe tutti David Parenzo, anche lui ospite della trasmissione -. Guarda che il primo quotidiano a parlare del caso Soumahoro è stato La Repubblica“. Ma Iacometti lo asfalta: “La Repubblica ha fatto un taglio basso in cronaca locale, che poi è stato ripreso e tutti si sono accorti della situazione – ha controbattuto il giornalista di Libero -. Il caso è scoppiato successivamente”. Iacometti, poi, è tornato sul tema Qatargate, ribadendo il suo pensiero: “Però io non leggo ‘sinistra’ e non leggo ‘Ong’ nei titoli dei giornali di questi giorni”. (Continua a leggere dopo il video)

Conclude Iacometti mettendo definitivamente all’angolo Parenzo che non sa più che pesci pigliare: “Qui c’è uno scandalo enorme che mette in crisi il sistema dei buoni, di chi fa del bene, di chi aiuta i deboli…”. A quel punto è intervenuta la conduttrice, che ha sottolineato: “Quando sentiamo uno degli indagati dire che “grazie alle Ong si facevano girare i soldi”, è chiaro che quella è una mazzata per coloro che invece le Ong le mettono in piedi per aiutare le persone”, facendo riferimento alla dichiarazione che avrebbe fatto Francesco Giorgi, uno dei coinvolti nell’inchiesta europea.

Ti potrebbe interessare anche: Ue, viene giù tutto? Paragone: “Dopo il Qatar la verità su Pfizer”