in

“Estremisti e irresponsabili.” La Bellava a ruota libera su portuali e no green pass

Teresa Bellanova, viceministra delle Infrastrutture e presidente di Italia Viva, durante la trasmissione radiofonica Rai Radio1 ‘Zapping’, condotta da Giancarlo Loquenzi, è intervenuta in merito alla protesta portata avanti dai lavoratori portuali di Trieste.

“Non bisogna drammatizzare la situazione, vanno affrontate le paure che ci sono ma sicuramente bisogna contrastare in tutti i modi chi pensa di lucrare sul green pass, chi pensa di mandare un messaggio devastante”, ossia “non fidarsi della scienza ma fare atti violenti per imporre il proprio punto di vista. Questo è intollerabile”. (Continua dopo la foto)

 Tuttavia “la gran parte delle autorità di sistema portuali sono in condizione di governare questo processo. Non possiamo consegnarci a frange di estremismo, considero irresponsabile continuare ad alimentare un sentimento anti vaccino e anti green pass. Chi siede nel Cdm ha il dovere di sostenere la scelta fatta: il vaccino è lo strumento fondamentale per tornare alla normalità”. (Continua dopo la foto)

La viceministra è stata brava a fare il minestrone. Ha (meschinamente) mischiato la violenza di alcuni, con la legittima protesta dei cittadini che difendono la propria libertà di scelta e ripudiano la scellerata imposizione che costringe coloro i quali (senza andare contro la legge, è bene ricordarlo e sottolinearlo) scelgono liberamente di non vaccinarsi, a spendere una consistente somma di denaro per fare i tamponi per poter lavorare.

“Trattata come i poliziotti condannati per il G8”, Paragone difende la vicequestore Schilirò

Ilva, tamponi gratis per i non vaccinati: ma allora, udite udite, si può fare!