in

Va, non va, va dopo, ma dopo cosa? Draghi non va al Colle e torna alla Camera per la fiducia (sic!)

Pubblicato il 21/07/2022 07:44

Sì, no, boh, forse. Va o non va? Va. No, non va. Sì, va. Ma dopo essere tornato alla Camera per la fiducia. Il riassunto della giornata folle della politica italiana, e di Mario Draghi, è andata in scena il 20 luglio. Ma la coda sarà il 21, quando il premier dimissionario, dopo aver raccolto una fiducia striminzita al Senato, invece di andarsi a dimettere (Lega, Forza Italia e quel che resta del Movimento 5 Stelle non hanno votato la fiducia), ha deciso di aspettare la tornata della Camera. Il presidente del Consiglio annuncerà nell’aula della Camera, all’inizio della discussione generale, la propria intenzione di andare a dimettersi al Quirinale. La seduta è convocata per le ore 9:00. (Continua a leggere dopo la foto)

Mario Draghi non ha più la maggioranza. Il non voto in Senato da parte non solo del Movimento 5 Stelle ma anche del “centrodestra di governo”, come hanno continuato a definirsi fino all’ultimo Lega e Forza Italia, certifica la fine delle larghissime intese. Non c’è più quella unità nazionale che, nelle parole del premier in Aula, garantiva “legittimità democratica ed efficacia” all’esecutivo. La fiducia, tecnicamente, Draghi la incassa comunque da parte di Pd, Leu Ipf, il centro di Toti e Matteo Renzi. Ma ottiene solo 95 sì. Un dato che lo porterà ad annunciare le dimissioni all’inizio del dibattitto sulla fiducia alla Camera per poi salire in giornata al Quirinale.(Continua a leggere dopo la foto)

Non sono bastati, insomma, i 5 giorni di decantazione che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella aveva imposto al premier prima di rendere definitive le dimissioni, annunciate perché era venuto meno quel “patto di fiducia” che Draghi ha riproposto al Parlamento. Ma con toni e modi che hanno fatto infuriare soprattutto la Lega, poi tutto il centrodestra, riunito a Villa Grande. Ma anche i 5 Stelle, per “l’atteggiamento sprezzante”, come lo definisce Giuseppe Conte, silente per tutto il giorno, ma che a sera sbotta: “siamo stati messi alla porta”. (Continua a leggere dopo la foto)

“Noi ci siamo” ma “con una nuova maggioranza e un nuovo governo”, con i 5S fuori, tuona nell’emiciclo di Palazzo Madama il capogruppo leghista Massimiliano Romeo. Una posizione dura, su cui Lega e Fi arrivano unite in Aula, anche se gli smottamenti iniziano subito dopo, con l’addio, che fa rumore, di Mariastella Gelmini al suo partito . La condizione posta dal centrodestra, si guardano intanto sconsolati alcuni ministri, è “irricevibile” per Draghi.

Ti potrebbe interessare anche: Aveva ragione Montagnier: a generare le varianti sono i vaccini. L’ammissione del virologo italiano

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Super carica batterica e fungina”, la più famosa rivista scientifica stronca il grande amore di Speranza

“Fine pandemia mai”. Il virologo sorprende tutti ed attacca Speranza: “Disastroso”