Vai al contenuto

Bonus Irpef 2023, ecco come funziona e chi può richiederlo: tutto quello che c’è da sapere

Pubblicato il 14/09/2023 09:27 - Aggiornato il 14/09/2023 09:28

Tra le misure ancora in vigore, sopravvissute agli ultimi passaggi di governo, c’è anche il Bonus Irpef, che consente di avere più soldi in busta paga se si rispettano determinati requisiti economici e di reddito. Ma come funziona di preciso? Quando verrà pagato? Quali sono le aliquote nel 2023 e come incidono sulle detrazioni per il lavoro dipendente? A cercare di fare chiarezza sulla questione è stata la testata I-Dome: “Per giugno 2023 il pagamento del Bonus Irpef è previsto intorno alla metà del mese: dal 15 giugno 2023 sulla Naspi per chi vede questa data sul fascicolo previdenziale dell’Inps”. Ecco come funziona l’incentivo nel dettaglio. (Continua a leggere dopo la foto)
“Bonus fino a 3.000 euro”, ecco a chi è rivolto e come richiederlo: la circolare dell’Agenzia delle Entrate

bonus irpef 2023 come funziona

Il cosiddetto Bonus Irpef è un’agevolazione che consente di avere un sostegno al reddito in più. È stato introdotto con la Legge di Bilancio 2021 per i redditi che sono fino ai 40 mila euro ed è una delle misure contenute nel decreto Cura Italia. A beneficiarne, per regolamento, sono le seguenti categorie:

soci lavoratori di cooperative
lavoratori in cassa integrazione
collaboratori con contratto a progetto o co.co.co
stagisti e tirocinanti
percettori di borsa di studio, di assegno o premio per studio
lavoratori socialmente utili
sacerdoti
disoccupati in regime di indennità NASpI
disoccupati in regime DIS-COLL
disoccupati agricoli
lavoratrici in maternità per congedo obbligatorio
lavoratori in congedo di paternità

Come si può verificare il pagamento avvenuto del bonus Irpef? Semplicissimo. Per controllare di aver ricevuto il trattamento integrativo a giugno 2023, si può utilizzare il fascicolo previdenziale del cittadino, accessibile sul sito Inps. Inoltre possibile vedere la data dei pagamenti se già pubblicata, accedendo con le credenziali personali (SPID, CNS o CIE).

Ti potrebbe interessare anche: “Banche e Europa ruberanno le case agli italiani”. Ecco cosa si nasconde dietro la “rivoluzione green”