in , , ,

BNL, i francesi iniziano a licenziare. Al via la ristrutturazione (la chiamano così)

Iniziano a sforbiciare, ed è allarme tra i dipendenti BNL. L’istituto controllato dal gruppo francese BNP Paribas “starebbe lavorando allo scorporo di alcune attività con cessione di rami di azienda e dipendenti compresi”, è quanto viene riferito da Il Messaggero.

In particolare, citando fonti interne al gruppo bancario, il quotidiano informa che sarebbero due le attività sotto esame: l’Information technology e il back office che comprende i processi amministrativi e le elaborazioni che assistono le attività di filiale. Sarebbero, dunque, in corso le trattative con più controparti e tra queste risulterebbe anche la società di consulenza Accenture.

Nel frattempo viene reso noto che BNP Paribas si è già liberata anche di un altro pezzo pesante, Axepta Spa, una società nata nel 2006 da un joint venture tra BNL Gruppo e BNP Paribas, di cui è stato venduto l’80% a Wordline, altra società francese. Si tratta infatti per questa ultima di una “opportunità strategica per espandere le attività di Merchant Services nel promettente mercato italiano”.

La prossima volta che dicono che Europa vuol dire mercato unico e che non dobbiamo avere paura quando un’azienda francese o tedesca mette mano su pezzi strategici del nostro panorama, ricordiamoci di questi risultati. La trama è chiara nelle sue dinamiche e purtroppo resta una costante: vengono, prendono i clienti, licenziano i dipendenti italiani… “Et voilà”, per usare un francesismo, il pasticcio è fatto! Ci stanno e ci stiamo facendo ridurre a brandelli, pezzo dopo pezzo, eccellenza dopo eccellenza, ingranaggio dopo ingranaggio che da lustri rappresenta(va)no il potente motore del nostro Paese.

Rincari benzina, scatta l’allarme: “Effetto valanga sull’85% della spesa degli italiani”

Luce e gas, oggi scattano gli aumenti: buona estate cari italiani! Quanto spenderemo in più