in

Arcuri sbaglia pure a scrivere i bandi! Quelli per le siringhe sono pieni di errori

Il supercommissario Domenico Arcuri non si smentisce. Anche le cose più piccole e banali gli riescono male. Non bastavano i clamorosi errori nella gestione dell’emergenza Covid, adesso scopriamo anche quelli in lingua italiana. Una figuraccia, insomma, per il Paese intero. Il commissario scelto da Conte per fare praticamente tutto ha dato l’ok alla pubblicazione di bandi che contengono valanghe di errori. Come scrive Il Tempo, “non c’è un solo bando di gara che possa dirsi senza macchie”.

E dove almeno il cuore dell’appalto funziona, eccoti lì il commissario scivolare sulla buccia di banana del testo. “Ultimi due esempi di freschissima attualità, legati alla vaccinazione. Il primo bando è quello contestatissimo delle super-siringhe comprate ad Hong Kong pagando il quadruplo del costo di tutte le altre. Ognuna con sette aghi diversi. Nel bando però le siringhe non sono chiamate con il loro nome…”.

In tutte le tabelle perdono infatti una preziosa “n” e diventano “sirighe”. Speriamo che non accada lo stesso con le dosi nella fialetta della Pfizer, perché la perdita sarebbe assai più dolorosa. “Per farle funzionare però Arcuri è andato a caccia di soluzioni a base di cloruro di sodio dove sciogliere il vaccino che è congelato a meno ottanta gradi. Altro bando, altro errore. Anche più che formale”.

“Perché il bando è del mese di dicembre 2020. Ma c’è scritto che l’offerta dei pretendenti ‘si intenderà vincolante fino al 30 giugno 2020’, data passata ormai da sei mesi. Quindi vincolante non lo è per nulla, perché Arcuri ha sbagliato l’anno (doveva essere 2021) e non avendolo corretto le imprese possono fare quello che vogliono. Ma ci rendiamo conto in mano a chi siamo? Dilettanti allo sbaraglio è fargli un complimento. Poveri noi, povera Italia!

Ti potrebbe interessare anche: L’Egitto ci umilia ancora: “Giulio Regeni aveva un comportamento non consono”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Il partito di Conte? È pronto: ecco chi ne farà parte e chi sta lavorando dietro alle quinte

Un premier Pd se cade Conte: ecco lo scenario in caso di crisi di governo